Trading online, lo stallo tra BOJ e FED

Trading online, lo stallo tra BOJ e FED
0 Flares 0 Flares ×

Ogni volta che si parla di trading e investimenti finanziari non si può fare a meno di prendere in considerazione quelle che sono le linee guida delle Banche centrali. Istituti strategici come la Fed o la Boj possono influenzare i mercati finanziari in maniera estremamente decisa e stravolgere, di fatto, gli equilibri in campo.

Un piccolo trader, pertanto, non può pensare di investire in borsa senza essere aggiornato sulle novità introdotte dalle grandi Banche centrali. Spesso sono gli stessi broker online a fornire, tra i vari servizi ai clienti, un flusso di news in tempo reale con cui ci si può aiutare nel prendere le decisioni e nello sviluppare una strategia di trading che sia davvero efficace. Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire cosa sta succendo. Quella che segue è un’analisi approfondita del contesto che può essere presa in considerazione per aiutare a fare un ragionamento di qualità.

Il trading online riesce ad elevare, all’ennesima potenza, quella tipologia di attività finanziaria dedicata ad ogni sorta di investimento. L’incredibile livello di avanzamento tecnologico raggiunto dagli asset merceologici di tutto il mondo, così come la specificità delle possibilità di intervento all’interno di essi, qualificano il trading online come una metodologia operativa altamente performante capace di dare sfogo alle proprie esigenze personali. Ad ogni modo, non va trascurata l’incredibile influenza esercitata dagli andamenti economici dei principali titoli mondiali, autentici indicatori dello stato di salute della finanza globale e portatori di notizie relative ad aspetti che, speso e volentieri, esulano dal mero contesto finanziario.

Una buona fetta delle indicazioni utili a delineare una strategia particolarmente efficace proviene dal rapporto economico-finanziario tra la Bank of Japan e la Federal Reserve. La situazione attuale vede l’istituto americano in una posizione di passività, che però non pregiudica il suo giustificato ottimismo per l’andamento del quadro globale sollecitato da una lenta ripresa e da tassi in continuo rialzo. Per quanto riguarda la Bank of Japan, quest’ultima si presenta come un’entità poco incline all’oggettivo miglioramento in atto, e mantiene ben salda una politica conservatrice che contraddistingue il suo operato da ormai diversi anni.

Un’evidente situazione di stallo, quindi, che però non altera lo status percettivo della Federal Reserve. Il comunicato della FED, infatti, è perfettamente neutro e lascia aperte le porte necessarie per il tanto sospirato rialzo di giugno ma senza doverlo rendere necessariamente obbligatorio, tanto che alla fine, le probabilità di un rialzo restano immutate intorno al 21%. In questo modo, il greggio a 45 riesce a compensare i problemi nel settore tech, con Apple giù di oltre il 6% e posizionato lungo un trend al ribasso a dir poco preoccupante. Insomma, nonostante le divergenze di veduta, le variazioni degli asset merceologici sembrano tendere verso un orizzonte decisamente roseo.

Per essere sempre aggiornati su tutto ciò che riguarda il mondo del trading online, si può contare sulle piattaforme di aggiornamento, in tempo reale, presenti sul web. Dotate di un accesso completamente gratuito, queste aree consentono di ottenere le informazioni indispensabili per mettere su delle strategie di trading online estremamente produttive.



0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×