Come fare marketing con i gadget

Come fare marketing con i gadget

Lavorando come consulente, finisco spesso negli uffici dei miei clienti, praticamente, ovunque sono stato, hanno tutti block notes con il proprio logo, biro con indirizzo e marchio, calendari aziendali e tanti altri piccoli accessori, mi sono sempre chiesto perché un’azienda si spinge a personalizzare così tanti oggetti se poi rimangono chiusi all’interno dell’ufficio, la risposta me l’ha data uno dei responsabili con cui collaboro una volta che vedendomi senza biro mi ha regalato una delle sue con il logo aziendale stampato sopra, mi disse:

Usa questa biro, anzi guarda te ne do 4 o 5, ma ricordati di perderle quando sei in giro, dimenticatele



Davanti a questa frase sono rimasto un po’ perplesso, ma poi ho capito, sapendo che giro in diverse aziende, mi ha praticamente chiesto di aiutarlo a farsi conoscere, lasciando le sue biro perse negli uffici dove lavoro, lasciando quindi una sua traccia.

Ok questo non è proprio un metodo efficace per fare marketing con i gadget, ma è una enorme possibilità che senza saperlo ogni azienda può avere per diffondere i propri marchi, i propri servizi, il proprio nome, da qui l’importanza di realizzare quelli più efficaci.

Facendo una lista sicuramente le biro, i block notes, i porta blocchi personalizzati, le matite, sono tra gli oggetti più popolari, ed a mio parere, più utili per fare marketing con i gadget.

Come per le pubblicità più classiche anche su questi oggetti bisogna andare a stampare il giusto messaggio, non deve mai mancare il nome dell’azienda e se le dimensioni lo consentono, anche il logo, devono essere presenti tutti i riferimenti: indirizzo, numero di telefono e visto che siamo nell’era di internet l’indirizzo di posta elettronica e l’url del sito web.

Quando l’azienda è in possesso di tutti i suoi gadget deve iniziare e diffonderli, può farlo come è stato fatto come me, lasciandoli a consulenti esterni oppure regalarli ai clienti, consegnarli durante eventuali fiere di settore, di sicuro con un po’ di fantasia si riesce a trovare la strada giusta per farli avere al pubblico di potenziali contatti.

Il marketing dei gadget esiste da tantissimi anni, io ne ho quasi 40 e le biro con il marchio me le ricordo fin da quando ero piccolino, ma non è così sfruttato come sembra, anch’io stesso confesso che non ho nessun “regalo” per i miei clienti, ma semplicemente mi limito a lasciare il biglietto da visita, questo però non ha la stessa “potenza” di un gadget.

I gadget vengono regalati per essere utilizzati tutti i giorni, rimangono in mano o sotto gli occhi di potenziali clienti per le ore lavorative e spesso anche oltre, soprattutto se sono regali utili sono utilizzati finché non arrivano alla fine del loro ciclo di vita, probabilmente però hanno già fatto il loro effetto ovvero farsi ricordare efficacemente.

Per questo motivo un’azienda che vuole espandersi e trovare potenziali clienti, non può sottovalutare il gadget marketing da affiancare a tutte le altre strategie di promozione che si possono sviluppare in questa epoca moderna, come ogni mezzo di promozione bisogna ovviamente scegliere sono gli oggetti più mirati altrimenti si rischia di rendere fine a se stesso il regalo.