Quali sono i grassi acidi polinsaturi?

Quali sono i grassi acidi polinsaturi?

La differenza tra acidi grassi insaturi e acidi grassi saturi, si determina dalla struttura chimica del grasso preso in considerazione. Uno degli ultimi studi dell’Università dell’Indiana, ha rilevato che i grassi saturi contengono dei carboni saturi con atomi di idrogeno. Mentre, i grassi insaturi sono costituiti da atomi di carbonio che formano un doppio legame e non sono saturati con gli atomi di idrogeno. I grassi polinsaturi, sono un tipo di acido grasso insaturo.

Omega 3 e Omega 6



Le due principali tipologie di grassi polinsaturi, l’omega 3 e l’omega 6 sono due acidi grassi. Entrambi questi grassi polinsaturi sono classificati come acidi grassi essenziali; poiché il nostro corpo non può elaborarli e deve assumerli nella sua dieta giornaliera. Alcuni esempi di acidi grassi omega 3 sono l’acido alfa-linolenico (ALA), l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA). Alcuni dei grassi omega 6 sono il linolenico (LA) e l’acido arachidonico (AA).
L’università del Colorado, fa notare che trovare il giusto equilibrio di acidi grassi può portare un grosso giovamento alla propria salute. La giusta proporzione dei due acidi, è che i grassi omega 6 devono essere quattro volte più numerosi dei grassi omega 3.

I benefici potenziali per la salute

La sostituzione dei grassi saturi nella propria dieta cono grassi sani sono un toccasana per la circolazione cardiaca e per il fegato. In questo modo, si diminuisce l’insorgere delle malattie cardiache e degli ictus. Più specificatamente, i grassi polinsaturi contribuiscono a ridurre i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, come è stato dimostrato dall’Associazione Americana per i problemi cardiaci . Gli acidi grassi omega 3 sono fondamentali per lo sviluppo del cervello nei neonati e nei bambini, come sono ottimi per prevenire il declino cognitivo nelle persone in età adulta.

Uno studio pubblicato nel 2014 dall’Università del Colorado, ha dimostrato che l’assunzione di 2,3 grammi di omega 3 offerto dall’olio di pesce ha dato effetti positivi sull’incremento delle funzionalità celebrali nelle persone adulte più anziane.

Fonti alimentari

Gli acidi grassi omega 3, si trovano principalmente nel pesce con le carni grasse e in alcuni grassi vegetali. Alcuni esempi di alimenti ricchi di DHA ed Epa sono il salmone, il merluzzo, le sardine, le aringhe e le acciughe. Le alghe vegetali, sono un’ottima fonte di DHA.

Gli alimenti ricchi di ALA includono la soia, i semi di link, le noci e gli oli a base di olio di oliva, di soia, semi di lino, semi di zucca e di canapa. Sempre l’università del Colorado, ha osservato che i grassi omega 6 sono molto abbondanti negli oli di masi, di girasole e nella crusca di riso..

Dose giornaliera consigliata

I livelli di assunzione adeguati per gli acidi grassi omega 6 e omega 3 variano in base all’età della persona, al suo peso e al sesso. Gli istituti di medicina suggeriscono un consumo di 1,1 grammo di omega 3 al giorno per le donne in età adulta. Le donne che sono in attesa e/o stanno allattando possono incrementare il fabbisogno giornaliero fino a 1,4 grammi
Gli uomini, possono assumere con tranquillità anche 1,5 grammi di grassi ogni giorno. Si consiglia, di rivolgersi al proprio medico, prima di variare la propria dieta.